La scrittrice Mavis Gallant è morta: 3 suoi libri per ricordarla

Mavis Gallant è considerata una delle più grandi scrittrici di storie brevi. È morta a Parigi.

A 91 anni è morta a Parigi la scrittrice canadese Mavis Gallant, celebre per i suoi racconti brevi pubblicati sul New Yorker. Il suo stile di scrittura e la maestria nei dialoghi l’hanno resa un’autrice di culto per moltissimi scrittori e scrittrici, tra cui anche Alice Munro e Magaret Atwood. In italiano i suoi libri li troviamo nel catalogo Rizzoli.

Al di là del ponte e altri racconti: Una donna abbandonata dal marito gli rimane fedele, aspettandolo per anni. La rumorosa famiglia di una sorella sposata porta scompiglio nella casa di uno scapolo. Una ragazza manda all'aria un matrimonio per inseguire il sogno di un innamorato che ha conosciuto soltanto per lettera. Sono alcune delle vicende narrate nei quattro racconti di questa raccolta, tra i più celebri che Mavis Gallant ha pubblicato a partire dalla metà del Novecento. Protagonisti inconsapevoli di passaggi decisivi della vita, gli uomini e le donne di queste storie si muovono tra silenzi, appuntamenti mancati, lunghe distrazioni, vengono ritratti in stagioni, o in attimi, che segnano una rottura.

Piccoli naufragi: Florence ha un piano, per la sua estate parigina. Ma per attuarlo le servono solitudine e silenzio. Anche Speck culla un progetto: una mostra per la sua galleria. Lo ossessiona, non lascia spazio ad altri pensieri. E gli rivelerà su se stesso più di quanto desideri sapere. Irina invece sa bene di non essere ciò che sembra, e nella casa moderna e luminosa dei suoi anni da vedova coltiva con disincantata passione i sogni di una gioventù che non ha vissuto. Al contrario di Mathilde, che forse sbaglia a scegliere i propri uomini, accecata com'è dall'invidia per il loro passato. Queste storie minime, quotidiane, sono tutte segnate da un appuntamento ineluttabile con la verità, sospesa tra gelo e poesia. Mavis Gallant prende le loro vite qualunque e lascia che fugaci sprazzi di luce ne svelino dettagli inattesi. La nuova messa a fuoco che ne deriva è spesso tanto intensa da apparire sovrumana: "Rivivere il passato con la piena consapevolezza di ciò che doveva venire sarebbe stato troppo per chiunque, e loro non avevano poteri magici; erano solo esseri umani".

La scrittrice Mavis Gallant è morta: 3 suoi libri per ricordarla

Varietà di esilio: Individui spaesati e distratti, in esilio dalle loro origini o da sé stessi; l'incontro inatteso tra un uomo che vive da anni lontano dalla famiglia e la figlia adolescente della sua ex moglie; il percorso quieto e tortuoso di un fidanzamento senza amore; il piccolo mistero di un bambino non desiderato: a partire da queste situazioni la libertà di scelta dei personaggi viene messa alla prova. E una voce narrante inconfondibile fotografa le loro reazioni, descrive, classifica senza giudicare e restituisce il sapore vero di gesti apparentemente insignificanti, in realtà definitivi. Nella prefazione, scritta appositamente per questo volume, l'autrice riflette sui meccanismi della memoria e dell'immaginazione all'origine dei suoi racconti.

  • shares
  • Mail