Ruba libri in libreria per poi rivenderli online: succede a Milano

Una donna di 46 anni è stata fermata con una busta piena di libri che aveva rubato in libreria. Il motivo del furto? Voleva rivenderseli.

Poteva essere una storia simpatica (da non imitare, in ogni caso), in cui una persona, mossa dall’amore irrefrenabile per i libri, ne rubava alcuni per poi leggerli o magari regalarli. E invece no: è una storia di furto di libri con tanto di premeditazione.

È successo a Milano dove una signora è stata beccata a rubare libri presso la libreria Feltrinelli in piazza Piemonte: nella busta rigida di un supermercato ha infilato in fretta e furia quindici titoli (il suo muoversi in maniera forsennata tra gli scaffali ha insospettito i librai) e poi, facendo finta di parlare al telefono, ha lasciato la libreria dimenticandosi di pagare. Ora la signora è denunciata a piede libero per rapina impropria.

Ma che ci faceva con i libri rubati? A quanto pare la donna non è che fosse un’amante particolare dei libri, ma li rubava per poi rivenderli, principalmente su eBay. La polizia, infatti, ha scoperto nella borsa tutta una serie di email stampate che chiedevano questo o quel libro e lei, diligentemente (si fa per dire) usava le email come lista della spesa. Tra le richieste ce n’erano diverse che riguardavano titoli della Mondadori, quindi, chissà?, la signora avrà fatto visita anche alle librerie di quella catena.

Ruba libri in libreria per poi rivenderli online: succede a Milano

Che poi mi chiedo: ma gli utenti che si rivolgevano a lei per acquistare i libri (ignari di tutta la macchinazione, mi auguro) non facevano prima a comprare i libri da un negozio online? Tra Amazon, Internet Bookshop, Libreria Universitaria e via dicendo i libri arrivano in un battibaleno. Che se poi si acquista la versione eBook è questione di secondi.

Quanto è diversa questa storia, da quella del giovane cinese che, qualche tempo fa, fu trovato a rubare i libri e si giustificò dicendo:

Non riuscivo a capire il senso della mia esistenza. E speravo di trovare la risposta nella pagine di questi libri.

Almeno il giovane cinese fece ricorso a una scusa splendida!

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail