Polline, una storia d'amore. Di Davide Calì

"Dovresti amare solo per amore, nè per dare qualcosa nè per esserne ricambiata. Dovresti godere di ciò che hai, non di ciò che ottieni". Così una saggia cornacchia continua a ripetere nelle orecchie della ragazza innamorata di un fiore bianco che un giorno sparì dal suo giardino, in “Polline, una storia d'amore”, di Davide Calì.

Lo dico (anzi scrivo) da tempo: ci sono libri illustrati per bambini che dovremmo avere nelle nostre biblioteche anche noi grandi. E' il caso di questo splendido Polline. Una storia d'amore, di Davide Calì (Kite ed.) che ci racconta qualcosa di importante sull'amore, quello vero.

Tutto parte dagli occhi finalmente luminosi e rilassati di una ragazza che innaffia il suo giardino con il viso sgombro di pensieri: è il fiore bianco spuntato sulla sua terra, che porta il sorriso al suo volto e apre i suoi polmoni al suo dolce profumo, rendendo più dolci le sue movenze.

Polline, una storia d'amore Ma poi "un giorno al risveglio andò come ogni mattina a cercare il nuovo fiore. E non lo trovò". E lei, che non aveva occhi che per lui, lascia seccare tutte le sue altre piante. "Per molte sere la ragazza andò a dormire e ogni mattina si alzò con la speranza di trovare almeno un nuovo fiore. Ma non fu così".

Inaspettatamente però, sarà una antipatica cornacchia ad aprirle la mente. E così, quando si accorgerà che il "suo" fiore era in realtà spuntato in un altro giardino, e non nel suo, finalmente capirà il segreto per essere felice ugualmente, allontanando via il dolore che macera il cuore. Un libro per bambini, una poesia o...che altro? In ogni caso, arriva dritto al cuore.

D. Calì, M. Barengo (Ill.)
Polline, una storia d'amore
Kite ed.
16 euro

  • shares
  • Mail