Poesie d'amore per San Valentino: Nizar Qabbani

Politico siriano, Qabbani rinunciò alla vita politica per dedicarsi alla poesia d'amore.

Se l'amore avesse una lingua, sarebbe l'arabo, per la musicalità della sua pronuncia. Tra i poeti d'amore del mondo arabo, nome da citare è sicuramente Nizar Qabbani. Siriano, nato a Damasco il 21 marzo 1923 e morto a 74 anni a Londra nel 1998, Qabbani può essere considerato pioniere della poesia moderna e tra i più grandi poeti d'amore, ma anche di politica. Nella sua vita ha composto numerose opere in cui l'amore tra uomo e donna è protagonista indiscusso: ?ab?bat? "La mia amata", 1961; Il? Bayr?t al-unth? ma?a ?ubb? "Verso Beirut, la mia amata donna", 1977. L'Amore, che per Qabbani era visto come "un prigioniero" nel mondo arabo, "e io voglio liberarlo, voglio liberare l'anima araba, i suoi sensi e il suo corpo con la mia poesia".

Tutte le sue opere sono state raccolte in al-A?m?l ash-shi?riyya al-k?mila ("Opere poetiche complete", 2 voll., I, 1971 e II, 1980). Una parte delle sue poesie sono state tradotte in italiano (Poesie, 1976). i cui testi sono stati cantati da molti cantanti e musicisti arabi.

Qui proponiamo "Quando sono innamorato":

Quando sono innamorato
mi sento il re del tempo
posseggo la terra e ciò che essa contiene
ed entro nel sole con il mio cavallo.

Quando sono innamorato
considero lo Scià di Persia un mio suddito,
assoggetto la Cina al mio scettro, sposto i mari,
e,
se volessi,
fermerei i secondi.

Quando sono innamorato
mi trasformo in luce fluida
che l’occhio non può guardare
e si trasformano le poesie sui miei quaderni
in campi di mimosa e di margherite.

  • shares
  • Mail