Libri cartacei ed eBook: cicli di innovazione tra carta e digitale

Libro cartaceo e digitaleGrazie a un post di Giuseppe Granieri, leggo di David Weinberger e di alcune sue idee in merito alla carta. Weinberger usa il concetto di scalabilità, che, cito da Wikipedia:

nelle telecomunicazioni, nell'ingegneria del software, in informatica, e in altre discipline, si riferisce, in termini generali, alla capacità di un sistema di "crescere" o "decrescere" (aumentare o diminuire di scala) in funzione delle necessità e delle disponibilità. Un sistema che gode di questa proprietà viene detto scalabile.

David Weinberger applica questo concetto a quanto sta succedendo ai libri e ai giornali cartacei. Scrive Weinberger che la carta non è scalabile, non lo è la conoscenza su carta mentre sono scalabili i network e i social network. Un esempio? Lo fa Weinberger stesso proponendo quattordici argomenti che hanno reso l'Enciclopedia Britannica cartacea desueta e del tutto inutilizzabile ai giorni nostri...

In altre parole: “la carta ha esaurito il ciclo di innovazione, mentre il digitale ha appena iniziato il suo”. Nessuna guerra tra libri cartacei ed eBook, ovviamente, ma situazione da tener presente. E approfittarne per leggere.

Foto | Meloleggo.it

  • shares
  • Mail