L’amore senza età e una poesia di Adalbert von Chamisso

Entriamo nell’intimità di una coppia in cui lui è molto più grande di lei, ma questa differenza di età non spegne certo l’impeto dell’amore.

L’amore senza età e una poesia di Adalbert von Chamisso

L’amore, lo sappiamo bene, non ha età e non conosce distinzioni di cultura, latitudini e longitudini, sesso e tutte le variabili che ci vengono in mente. Eppure ancora oggi, nel 2014, c’è qualcosa che crea ancora scandalo, in un certo senso: la differenza d’età nella coppia. Se lui è troppo grande, allora si dice che lei cerca un padre; se lei è più grande, allora lui non è ancora cresciuto e cerca la mamma. Baggianate, nient’altro che baggianate! All’amore non si comanda, per fortuna.

Il tema del rapporto tra diverse età è stato più volte affrontato dalla letteratura, anche con risvolti che hanno creato scalpore. L’idea dell’adulto smorto, canuto e onusto di esperienze che ammutolisce dinanzi alla bellezza florida e prorompente dalla giovane amata è ben declinato dal poeta e botanico tedesco di origini francesi Adalbert von Chamisso (1781-1838 – celebre la sua opera su Peter Schlemihl, l'uomo che vendette la sua ombra) che, con impetuosa lucidità, ci fa percepire quel lieve tremito che scorre fra due persone che si amano.

Che dirti?

I miei occhi sono smorti, le mie labbra mute,
mi dici di parlare, e non ammetti repliche.
I tuoi occhi sono limpidi, le tue labbra rosse,
il tuo più piccolo desiderio è per me un ordine.

I miei capelli sono grigi, il mio cuore ferito,
e tu sei così giovani, e così fiorente!
Mi dici di parlare, e ciò mi riesce così difficile.
Ecco, ti sto guardando e sono tutto un tremito.

Foto | © Thinkstock

  • shares
  • Mail