Befana 2014 con Dostoevskij: la vecchietta ultracentenaria

Una storia curiosa, dalla penna del famosissimo autore per il giorno della Befana.

Il "Diario di uno scrittore" è un'opera che riunisce una serie di articoli scritti da Fëdor Michajlovič Dostoevskij, a partire dal 1876 e fino alla morte nel 1871, per la rivista mensile "il Cittadino". Si tratta di testi di argomento svariato, per lo più appartenenti a quella cronaca che ossessionava lo scrittore, oppure riflessioni giornalistiche e a volte anche sociologiche, intervallate da vere e proprie parentesi letterarie che hanno dato vita a racconti interessanti come: e anche "La vecchietta ultracentenaria", il commuovente affresco delle ultime ore di una simpatica e dolcissima signora di 104 anni, decisa ad andare a trovar i suoi cari, nonostante la distanza da percorrere.

Mar'ja Makisovna, la protagonista di queste poche pagine, è un capolavoro di determinazione e tenerezza, da ritrovare nei piccoli passi e soprattutto nelle numerose pause con le quali intervalla il suo cammino.

Io me la guardavo perché ormai ero veramente incuriosita. Era minuta e tutta in ordine, nonostante il suo abbigliamento fosse un po' logoro e malandato, probabilmente apparteneva ad un ceto medio-basso. Con il suo bastone, il viso pallido, un po' giallastro, la pelle tirata che metteva in risalto le ossa e le labbra incolori, pareva quasi una mummia che se ne stava lì seduta a sorridere, godendosi il sole che la investiva in pieno.

Via | taozen.it/saggi/dostoevskij
Foto | Collage composto da un ritratto dello scrittore Fëdor Dostoevskij a sinistra (Photo by Photo by Hulton Archive/Getty Images) e dall'immagine di un quadro a sinistra (Black Country Museum).

  • shares
  • Mail