I bambini francesi non buttano via il cibo, di Pamela Druckeman

french children Ora, che i francesi (e le francesi, in particolare) abbiano una marcia in più, lo abbiamo sempre saputo, a partire dal best seller Le francesi non ingrassano di Mireille Guiliano (S&K), che rivelava già dal titolo una verità universalmente nota, per l'invidia di tutte noi.

Le francesi non ingrassano, semplicemente, perchè NON mangiano. Sono superiori alla fame. Hanno altro da fare. Il loro proverbiale savoir faire, naturalmente, lo applicano con successo anche nell'educazione dei figli (e ti pareva).

La questione, scrive Pamela Druckeman nel suo French children don't throw food (ed. Doubleday), segnalato dal Guardian, è che i francesi sanno dosare “massima severità e massima libertà” nel loro rapporto con i bambini. Sanno far loro attendere quello che vogliono. Hanno la loro “semplice, calma autorità” nel farlo. Difficilmente imitabile a partire da una serie di regole teoriche, e infatti l'autrice descrive la sua esperienza sul campo, e non compone un rigido manuale.

Le francesi sono diverse, scrive l'autrice, con la loro calma, con la loro indifferenza rispetto alle nevrosi che attanagliano le madri occidentali dal momento stesso in cui scoprono di aver concepito il loro primogenito, ad esempio. Non a caso, le pubblicazioni destinate a mamme in attesa o di fresco parto hanno un denominatore comune: esortano ad affrontare i cambiamenti con serenità e senza ansie.

Altro che mamme-tigri che crescono su pargoli-soldato a forza di “no”. No no, qui la questione è diversa. Quella “svagatezza” francese che somiglia a snobismo è in fondo, solo un po' di sano autocontrollo, forse. Che rende le stesse mamme sexy, chic, e determinate a non rinunciare ai propri spazi adulti. Detto questo, la conclusione che mi salta al cervello è sempre la stessa: ma da che pianeta vengono, le francesi?

  • shares
  • Mail