"Il teschio sacro" di James Rollins

\"Il teschio sacro\" di James RollinsQuesta è una storia che si intreccia con le fondamenta stesse degli Stati Uniti d'America. Perché "la terra delle opportunità per tutti", non affonda le sue radici unicamente negli ideali della rivoluzione francese e della massoneria, come si potrebbe pensare. La tesi di James Rollins (pubblicata in italiano da Editrice Nord) propende piuttosto verso uno strano intreccio di tribù indiane, maledizioni, e tesori nascosti. E se lo stesso Thomas Jefferson "era affascinato dalla cultura e dalla storia dei nativi americani fino a sviluppare una vera e propria ossessione", come ci avverte la nota storica premessa al romanzo, ci dev'essere ben più di un punto in comune.

Si tratta, per farla breve, di una vicenda complessa che gira intorno ad un oggetto mitico: "Il teschio sacro" del titolo, dalle lunghe zanne e le pareti ricoperte d'oro, che possiede poteri inimmaginabili e giace sepolto con una folta schiera di uomini vestiti come degli indios, ma dalla pelle davvero troppo chiara.

Un intrigo che lascia una traccia di sé, visibilissima e misteriosa: il famoso dipinto di John Trumbull raffigurante proprio la firma della dichiarazione d’indipendenza, che, oltre ad immortalare il momento solenne, solleva molti dubbi sull'identità dei personaggi che fanno da sfondo ai veri sottoscrittori del documento.

[...] Si gettò a capofitto nella galleria, attraversò la camera delle mummie e corse verso la luce del giorno. All’ingresso si fermò, ricordando di nuovo l’ultimo avvertimento del nonno di Charlie, riguardo a quanto sarebbe successo se qualcuno fosse riuscito a uscire da quella grotta. Finirebbe il mondo. Con le lacrime agli occhi, Trent scosse la testa. Le superstizioni avevano ucciso il suo migliore amico, non aveva intenzione di lasciare che a lui accadesse la stessa cosa. Con un salto, tornò nel mondo normale. [...]

Via | editricenord.it

  • shares
  • Mail