Lettere di Natale alla madre, di Rainer M. Rilke

rilke“E si deve soltanto essere abbastanza silenziosi e soli e pazienti per accogliere in sé la grazia di una tale ora, che in molti non penetra perchè in loro c'è tanto rumore e niente ordine”.

E' stato strano per me leggere queste splendide Lettere di Natale alla madre di Rilke, passate le feste. Ma se anche voi siete tipi come me, quelli che “aspettano Natale tutto l'anno”, vi consiglio di farlo senza aspettare le prossime festività.

In ogni caso vi dico solo che personalmente, a lettura ultimata, ho deciso che il prossimo anno sarà proprio questo volumetto edito da Passigli (bella casa editrice prevalentemente di poesia) il dono che elargirò a coloro che amo. Per essere precisi, nell'esaltazione del momento mi sono ripromessa che le rileggerò ad ogni Natale (Rilke va degustato lentamente, e chi ha letto Lettere a un giovane poeta lo sa).

Il Natale è, per Rilke, un momento in cui le routine vengono sospese, perchè si tratta di “far festa”, di celebrare (chi ne è in grado) un'ora “silente” come quella che appunto lui e la madre si ripromisero di condividere per tutta la vita, anche a distanza: le ore sei pomeridiane della vigilia di Natale.

“In quest'ora abbiamo un posticino dentro di noi dove siamo semplicemente bambini, che attende e sta là, fiducioso e mai confuso, nel suo diritto a una grande gioia: questo è il Natale...”

In quell'ora, il patto non cessò mai: entrambi avrebbero dovuto dedicare del tempo a leggere le rispettive accorate missive, che qui ci ritroviamo in 25 esemplari, dal 1900 al 1925. Missive accorate a causa della distanza e della solitudine di entrambi per dolorose vicende di famiglia, e dal fatto che abbiano passato, appunto, 25 ricorrenze natalizie senza mai vedersi.

Lettere più gioiose, in concomitanza della nascita della figlia Ruth, o più cupe, negli anni della Prima guerra mondiale:

“Chi ha il cuore di celebrare, chi avrà la forza per intonare un canto natalizio? Chi potrà inginocchiarsi e non pensare ad altro che alla solennità?...Nell'imminenza di questa sera si è sempre avvertito nell'aria un alito di pace...oh se anche quest'anno quest'alito...convincesse, saturasse, sopraffacesse gli uomini convulsi e agitati che hanno messo mano alla morte (...)”

In ogni caso, proprio grazie a questa sofferta lontananza dalla madre, Rilke ci regala alcune delle più belle pagine mai scritte sull'essenza della “meraviglia” del Natale.

“Non c'è stato un Natale, ovunque io mi trovassi, senza che dietro ai miei occhi chiusi, per un attimo tutto si facesse indescrivibilmente chiaro e prodigiosamente animato. Tutta la luce della mia infanzia si raccoglieva in quelle sere felici in cui, con indosso il vestito della festa, si era per così dire affratellati agli angeli e ci si tratteneva tra loro e il resto del mondo su un'isola sospesa, sulla quale si era stati innalzati dalla levità del proprio cuore”.

R.M. Rilke
Lettere di Natale alla madre
Passigli ed.
10 euro

  • shares
  • Mail