I Forconi assaltano la libreria Ubik di Savona e chiedono il rogo dei libri

Bruciate i libri: una frase che fa venire i brividi. Eppure è stata pronunciata da alcuni “Forconi” nella libreria Ubik di Savona.

I forconi assaltano la libreria Ubik di Savona e chiedono il rogo dei libri

Mala tempora currunt. Sì, perché se delle persone che manifestano entrano in libreria al grido di Chiudete la libreria! e Bruciate i libri, non è certo un bel segno, anzi, è pessimo! Eppure è quello che è successo in Italia, a Savona per la precisione, dove manifestanti del Movimento dei Forconi hanno fatto irruzione nella libreria Ubik della città. Stando a quando riportano i vari siti, per tutto il percorso i manifestanti avrebbero obbligato la chiusura dei negozi e, giunti in prossimità della libreria Ubik, avrebbero pensato non solo di obbligare la serrata, ma anche avrebbero esortato a bruciare i libri.

Commenta Stefano Milano, titolare della Ubik:

La frase “Bruciate i libri” fa venire i brividi. Riporta a periodi bui della storia. Speriamo che la protesta si affranchi da chi pare la stia strumentalizzando. Speriamo che la protesta si affranchi da chi pare la stia strumentalizzando e orientando in modo violento e quasi eversivo, in stile fascista.

La libreria ha pubblicato sulla propria pagina Facebook la foto dell’ultimo rogo di libri del 1933 – che trovate anche a inizio post – e una poesia di Berltold Brecht dal titolo Devi sapere tutto, che anche noi condividiamo in segno di solidarietà con la libreria Ubik ma anche in segno di speranza che certe frasi non si abbiano non solo più a sentire, ma nemmeno a concepire.

Impara bambino a scuola
impara uomo in carcere
impara donna in cucina
frequenta la scuola, senza tetto
procurati sapere
tu che hai freddo
affamato, impugna il libro
è come un'arma.
Non temere di fare domande
verifica le cose che leggi
ciò che non sai di tua scienza
in realtà non lo sai.

  • shares
  • Mail