#15oct: Rushdie, Klein, Cunningham: gli scrittori americani al fianco degli indignati

15oct, globalchange, indignados, occupywallstreet, scrittori indignati
Se fossimo nell'Ottocento qualcuno direbbe che oggi nel mondo si aggira un fantasma, il fantasma degli indignati, di chi vede il proprio futuro fatto a pezzi da una classe di potere che si arricchisce alle spalle del mondo e che, vittima di ingordigia, non riesce più a contenersi. Quello che si aggira oggi per il mondo, però, è molto più di un fantasma, tanto che i manifestanti che quest'oggi riempiranno le strade di ogni capitale del mondo (più chissà quante altre strade periferiche e secondarie dei confini dell'Impero) sono incontabili.

Possiamo ipotizzare che saranno milioni in 951 città di 82 paesi differenti. Ed è certo perché la gran parte di noi, oggi, vorrebbe essere in quelle strade, e in qualche modo c'è, anche se non fisicamente, ad occupare il proprio mezzo metro quadrato. L'elemento di indiscutibile novità di questo fenomeno è la sua trasversalità, quel suo non essere più generazionale, ma sociale. Ed è proprio di questo che hanno paura coloro che in questo momento si sentono - a ragione - attaccati.

E' un movimento sociale. Ci sono studenti, professori, pensionati, professionisti, casalinghe, operai, precari, dogsitter, stagisti, idraulici e panettieri. E gli scrittori? Non preoccupatevi, ci sono anche loro. Negli States sono più di 200, per ora, i firmatari di una lista di sostegno al movimento #OccupyWallStreet, gli indignati americani, per intenderci.

A promuoverla è stato un giornalista americano di nome Jeff Sharlet, che ha dichiarato che lo scopo è mostrare a chi tende a creder che questo sia un movimento di estremisti e noglobal che non è affatto così. Ecco quello che ha dichiarato all'Huffington Post:

Ci sono scrittori radicali nella lista, ma ce ne sono anche quelli di cui Bloomberg compra i libri da portarsi in vacanza, sulla spiaggia. Noi vogliamo dirgli: Guarda che sei circondato. Il movimento coinvolge tutti, anche persone che tu consideri come la tua base.

Da Salman Rushdie a Naomi Klein, da Margaret Atwood a Michael Cunningham. Scrittori, editor, redattori, traduttori - c'è persino una tale, Alane Mason, traduttrice di Conversazione in Sicilia di Elio Vittorini. Questo in America, e in Italia? Un progetto come questo non esiste, ma il supporto degli scrittori alle iniziative degli "Incazzados" italiani non mancano: da Camilleri a Tabucchi, passando per Wu Ming, sono molti coloro che scenderanno in piazza quest'oggi per urlare la propria indignazione.

Via | #OccupyWriters

  • shares
  • Mail