Roland 2013: macchine e animali per una domenica all'Assab One di Milano

Leggere implica un confronto con la realtà editoriale italiana e straniera. Lo si fa all'Assab One di Milano.

Incontri, lezioni, conversazioni, dispute, laboratori, spettacoli per animare tanti discorsi che girano intorno alla letteratura, sia classica, che strettamente contemporanea. Da un’idea di Giorgio Vasta e Marco Peano è ritornato anche quest'anno il week-end di Roland, Macchine e Animali all'Assab One di Milano, dopo il numero zero del 2011 e l'edizione 2012.

Quattro gli appuntamenti odierni, che porteranno al centro dell'attenzione:


  • 10.30 - Da un mondo all’altro. Laboratorio di traduzione con Matteo Colombo.
    Lungo la rotta delle tante sfide del traduttore, che abbiamo già sfiorato in occasione dell'ultimo Festivaletteratura, in una speciale lezione interattiva mostrerà in diretta il lavoro sui testi degli autori internazionali più celebri, analizzandone qualche pagina e invitando i partecipanti a collaborare per sciogliere insieme i nodi che si presenteranno.

  • 15.30 - Giudici di sedia: che cosa vuol dire decidere, con Luca Mastrantonio e tre decisori dell'editoria italiana: Stefano Mauri (presidente e Ad del gruppo GeMS, vicepresidente di Messaggerie), Paolo Repetti (responsabile Stile Libero Einaudi con Severino Cesari), Massimo Turchetta (direttore generale Libri Trade di Rcs).
    Volti nostrani della figura tratta da una nota all’inizio di un suo reportage dedicato al tennis di David Foster Wallace, colpito dalla figura del giudice di sedia: «Quel misto di autorevolezza e vulnerabilità precaria (...)è una delle tante cose che rendono il giudice di sedia una parte così avvincente dello spettacolo d’insieme».

  • 17.00 - Lui sa perché. Fenomenologia dei ringraziamenti letterari, introdotto e moderato da Matteo Bordone, con gli scrittori Sergio Garufi e Carolina Cutolo.
    Svolazzando nell'universo di una vera e propria mania editoriale, i due relatori convocati hanno scelto di esaminare il fenomeno dei ringraziamenti nella narrativa italiana degli ultimi venti anni, raccogliendoli, catalogandoli per genere e presentandoli in una lezione-reading che farà sorridere e pensare.

  • 18.30 - Vale tutto! L'improbabile accostamento dell'autore Aldo Nove, con i Camillas, duo indie di musicisti che oscillano tra i generi passando anche per il teatro.
    Camaïeu di accostamenti tra letteratura, musica e performance per il finale pirotecnico di Roland 2013.

Un insieme di suggestioni che evolve sulla falsariga del tema già introdotto venerdì e sabato, quella particolare attenzione alla krisis che si riflette anche nelle pagine dei libri:

Coerentemente con gli obiettivi di Roland – riflettere nel modo più lucido possibile su quanto accade nei libri e intorno ai libri – si discuterà criticamente di “dolorismo”, la tendenza che ha portato in libreria – durante l’ultima stagione editoriale – numerosi libri in cui si affronta un trauma fisico o familiare, così come si ragionerà sulla direzione nella quale si sta muovendo la grande editoria. Ci si confronterà sul successo dei festival letterari e sulla fenomenologia dei ringraziamenti letterari. E ascolteremo coloro che detengono la posizione di chi può e deve prendere decisioni che influenzando l’intero scenario stanno modificando l’idea stessa di cultura letteraria.

Via | rolandscritture.it

  • shares
  • Mail