Il messaggio nella bottiglia di Jussi Adler-Osen

Appena pubblicato da Marsilio, arriva il nuovo romanzo del vulcanico Adler-Osen; nel terzo volume della Sezione Q il suo proverbiale sense of humor scandinavo si mescola ad arte con la suspense di una storia che iniza con un messaggio in bottiglia scritto con il sangue.

Jussi Adler-Osen è uno degli autori scandinavi più amati -e tradotti- del momento; e fin qui, niente di particolare, dal momento che dalla saga di Millennium in poi ci siamo anche un po' abiuati a quelle lettere strane di origine runica. Quello che mi spinge a leggere il terzo capitolo della serie Sezione Q (i primi due sono La donna in gabbia e Battuta di caccia), dal titolo Il messaggio nella bottiglia (Marsilio Editore) è l'attività vulcanica di un personaggio fecondissimo di creatività (per anni ha diretto una casa editrice specializzata in fumetti), che brilla nel suo paese anche per l'impegno sociale (è coordinatore del movimento per la pace danese).

Mi sembra questo, un ottimo punto di partenza per avvicinarmi alla lettura del nuovo romanzo che narra le avventure dell'ispettore Carl Mørck e del suo prezioso aiutante, l'immigrato siriano Assad; a ciò si aggiunga il bellissimo articolo uscito qualche giorno fa sul Corriere della Sera, in cui l'autore, nel cuore caldo della sua casa/studio stipata di fumetti e chitarre Fender (è tra l'altro, musicista e compositore), snocciola aneddoti rivelatori sulla storia della sua vita. Tipo questo: "...mio padre mi convinse che avevo molti talenti e che dovevo provare a usarli tutti.". . Il messaggio nella bottiglia, presentato ieri a Pordenone Legge, parla di un serial killer che cerca le sue vittime nel mondo chiuso e ristretto delle sette; è una storia di suspense portata al massimo, lasciando però molto alla fantasia del lettore grazie all'assenza di descrizioni cruente, che può contare sulla confortante risacca di una sottile comicità lungo le pagine. Il tempo di leggere le sue 557 pagine e vi proporremo la nostra recensione, ma è chiaro che non vi diremo come va a finire!

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: