Ernest Hemingway. Una vita da romanzo, di Linda Wagner-Martin

Ernest Hemingway. Una vita da romanzo, di Linda Wagner-MartinScrivere la biografia di un autore come Ernest Hemingway può essere un'impresa ardua. Su di lui è stato scritto tanto e provare a raccontarlo in maniera nuova non è facile. Linda Wagner-Martin, docente di inglese e di letteratura comparata presso l'Università della Carolina del Nord, dribbla tutti gli ostacoli e ci presenta una biografia di Hemingway veramente interessante.

Ernest Hemingway. Una vita da romanzo, recentemente pubblicata in Italia da Castelvecchi presenta lo scrittore attraverso lo scrittore. Spesso si paragonano i personaggi maschili di Hemingway all'autore stesso.

La Wagner-Martin nota tutta l'ironia di questa situazione dal momento che Hemingway aveva una camaleontica capacità di adattarsi e ridurlo semplicemente ai suoi protagonisti maschili è un po' privarlo della sua completezza. Ma, al contempo, Hemingway scrittore è la chiave migliore per capirlo perché, come leggiamo nel libro, “la grandezza dell'Hemingway scrittore rimane la sua più autentica biografia” e “forse una delle creazioni più riuscite di Ernest Hemingway fu proprio Ernest Hemingway, inteso tanto come persona vivente che come personaggio di finzione”.

In diciassette capitoli, con diverse note e con alcune foto, Linda Wagner-Martin ci parla della vita da romanzo di Hemingway, in un intreccio di relazioni tra donne che ha amato e non ha amato, evidenziando ai nostri occhi due aspetti fondamentali: il bisogno di amare e la necessità di scrivere.

Hemingway visse sempre esitando tra i due flussi di energia che ne caratterizzarono l'esistenza. Il flusso più importante, quello senza il quale Hemingway non sarebbe riuscito a vivere, era la sua scrittura, la sua abilità con le parole, la sua necessità di esprimere ciò che giaceva [...] da qualche parte nella sua mente. Il secondo flusso, quello che Hemingway tenne ancora più nascosto [...] era una corrente di delicata intimità sessuale, un concetto assai elaborato di romanticismo che aveva più aspetti in comune con l'amor cortese che non con la ricerca dell'orgasmo. [...] In fin dei conti, Ernest chiedeva così poco. Non chiedeva altro, a queste donne, che di essere complici del suo sogno di felicità. Il sogno del grande scrittore, immerso nel lavoro al mattino, e poi lieto di trascorrere il resto del giorno banchettando e giocando con la sua amata, una rassicurante musa senza volto che rendeva possibile la sua vita e la sua arte.

Vita e arte ben sintetizzati nell'intensa foto di Hemingway che ritroviamo in copertina di questa sua biografia.

Linda Wagner-Martin
Ernest Hemingway. Una vita da romanzo
traduzione di Lorenzo Bartolucci
Castelvecchi, 2011
ISBN 978-88-7615-594-9
pp. 318, euro 18,50

  • shares
  • Mail