Ginsberg, Kerouac, Burroughs trionfano al Festival del Cinema di Venezia

Il film “Giovani ribelli - Kill your Darlings” che racconta la storia dei giovani Ginsberg, Kerouac, Burroughs vince alle Giornate degli Autori del Festival del Cinema di Venezia 2013.

Giovani ribelli – Kill your Darlings di John Krokidas vince il Premio Internazionale delle Giornate degli Autori – Venice Days 2013 con la seguente motivazione:

un’opera di forte creatività autoriale in grado, grazie a una rigorosa scelta di stile e ad originalità di approccio, di segnare la nuova stagione del cinema americano in cui sono rispettate le ragioni del pubblico, della cinefilia, della memoria culturale del secolo. Forte di uno spettacolare gioco d’attori, della forza della colonna sonora, di una cinematografia spiazzante e raffinata, il film è diventato un autentico evento nel contesto della 70 Mostra del Cinema.

Il film, come è noto, racconta la storia di tre mostri sacri della letteratura americana, quando ancora erano dei semplici ragazzi sconosciuti. Ginsberg, Kerouac e Burroughs, infatti, oggi sono vere e proprie icone di un movimento che ha riscritto le regole della letteratura americana, ma prima di essere tali erano dei ragazzi come tutti gli altri. Leggiamo nel plot del film:

Nel 1944, Allen Ginsberg era una nervosa e puritana matricola alla Columbia University. Jack Kerouac era uno slavato universitario che si era re-iscritto dopo aver resistito otto giorni nella Marina Militare. William S. Burroughs aveva abbandonato la facoltà di medicina, ex venditore porta a porta di insetticidi, stava diventando un giovane tossicodipendente, sopravvivendo ai margini della scena bohemienne newyorkese, dopo aver seguito un paio di amici, Lucien Carr e David Kammerer, dalla nativa St. Louis a Manhattan.

Oggetto del film di John Krokidas è quindi la storia di come questi tre giovani si siano uniti. Nei panni di Allen Ginsberg troviamo Daniel Radcliffe che era a Venezia per la proiezione del film. Austin Bunn co-sceneggiatore del film così parla di Giovani ribelli – Kill your Darlings:

John [il regista, ndr] e io siamo lettori da una vita. Ho amato Allen Ginsberg, Jack Kerouac, Burroughs... Questi sono gli scrittori che mi hanno fatto venire voglia di diventare uno scrittore a mia volta, e so che non sono il solo.

E John Krokidas chiosa:

Abbiamo letto praticamente ogni autobiografia possibile e lasciate che vi dica che c'è davvero parecchio materiale su di loro. Le persone sono rimaste affascinate negli ultimi cinquanta o sessant’anni da questi ragazzi. Non abbiamo voluto affrontare questo come un film biografico su tre grandi uomini ma con un approccio differente, ovvero la storia di questi da adolescenti - scomoda, perché cercano ancora di capire chi sono realmente... Nel 1944 mentre Allen Ginsberg stava per compiere diciotto anni, Burroughs diventava trentenne e, entrambi, non avevano ancora scritto una parola. Per noi, la materia affascinante non era ciò che sarebbero diventati questi grandi uomini, ma osservarli come adolescenti insicuri e giovani adulti che cercano di capire la grandezza interiore.

Il film Giovani ribelli – Kill your Darlings sarà nei cinema a partire dal prossimo 13 ottobre.

  • shares
  • Mail