Con I pesci non chiudono gli occhi, un altro romanzo di formazione per Erri de Luca

erri de luca Sono in trepidante attesa di questo nuovo libro di Erri de Luca, I pesci non chiudono gli occhi, in uscita (ignota per ora la data di pubblicazione) per i tipi Feltrinelli, storia di una “lunga estate” di formazione per un ragazzo adolescente.Erri De Luca – uno dei miei scrittori italiani preferiti – è infatti da sempre un maestro nella narrazione del passaggio (spesso crudo e violento) dall'adolescenza all'età adulta.

Penso a Tu, mio, storia di un amore adolescenziale che si confronta con la memoria storica dell'ultima guerra mondiale. Oppure a Montedidio, splendida narrazione di un amore fra due adolescenti che si incontrano sulla terrazza condominiale per condividere senza una parola le croci che già gravano sulla propria vita famigliare.

Anche Il giorno prima della felicità, era la storia di un riscatto d'amore. In tutti il processo di crescita avviene attraverso un lento percorso di formazione alla vita (grazie a vecchi “saggi” che svolgono mestieri del popolo) e la necessità di uno “strappo” rispetto al proprio passato, attraverso una volontà concreta di riscatto che molte volte passa attraverso la vendetta (succedeva anche all'attempato protagonista di Tre cavalli).

I pesci non chiudono gli occhi, stando alle anticipazioni, è ambientato in un'estate passata nell'isola di Ischia. Al centro, di nuovo, un ragazzo che attraverso l'arte della pesca – e la conoscenza di una donna – imparerà l'arte di vivere e l'amore.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: