Stabat Mater nuovamente sotto accusa, Tiziano Scarpa denunciato per "elaborazione creativa non consentita"

tiziano scarpa stabat mater Non c'è pace per Tiziano Scarpa e per il suo romanzo Stabat Mater che oggi, per la seconda volta in due anni, viene messo sotto accusa. Ma se la prima volta l'accusa era di plagio e la fonte che veniva indicata come origine del plagio era un racconto scritto negli anni '50 da Anna Banti, dal titolo Lavinia fuggita, questa volta cambia sia il capo d'accusa, sia, ovviamente, la fonte.

Questa volta infatti non sarebbe più un racconto dimenticato la fonte di ispirazione di Scarpa, bensì un romanzo inedito - Maria delle caramelle - consegnato da una scrittrice albanese di nome Anila Hanxhari all'Einaudi qualche mese prima dell'uscita nelle librerie del libro che fece vincere a Scarpa il Premio Strega 2009 - una vittoria tra l'altro tra le più sofferte della storia del premio, decisa all'ultimo voto contro Antonio Scurati.

Anche il capo d'accusa, dicevamo, rispetto a due anni fa è cambiato, passando dal canonico "plagio" alla esotica "elaborazione creativa non consentita". A emettere il verdetto, in ogni caso, sarà il tribunale di Venezia, che il 13 luglio verrà chiamato a decidere sulla questione.

Via | Affaritaliani.it

  • shares
  • Mail