Leggere e scrivere nel tempo dei social network: si pensa come scimmie?

Leggere e scrivere nel tempo dei social network: si pensa come scimmie?Il Premio Nobel Mario Vargas Llosa ha rilasciato una lunga intervista a un settimanale uruguayano e, tra le altre cose, ha parlato anche di come si legge e si scrive nella nostra epoca dei social network. Secondo lo scrittore i giovani che in chat, su Twitter o su Facebook fanno un uso smodato di abbreviazioni, sigle e via dicendo, alla fine “pensano come scimmie”.

Se scrivi così è perché parli così; se parli così è perché pensi così; e se pensi così è perché pensi come una scimmia. Questo mi sembra preoccupante. Forse le persone sono più felici se giungono a questo livello. Forse le scimmie sono più felici degli esseri umani. Non lo so [...] Internet ha ucciso la grammatica, l'ha liquidata. Viviamo una sorta di barbarie sintattica.

Opinione molto netta, senza dubbio, e forse un pochino esagerata. Ma non credo del tutto errata. Lo si nota in diverse pubblicazioni recenti di autori che provengono dalla “rete“: a volte la grammatica e la proprietà di linguaggio va a farsi benedire.

Foto | Periodismoenlinea

  • shares
  • Mail