L'esperienza di leggere un eBook

L'esperienza di leggere un eBook

C'è chi difende a spada tratta il libro cartaceo, la sensazione di sfogliare le pagine, l'odore della carta, la fisicità delle sensazioni e chi è un paladino degli eBook, degli eReader e del “nuovo modo di leggere”. Per quel che mi riguarda, l'importante è leggere e in questo senso eBook o libro cartaceo è secondario (anche se, lo confesso, ho un debole per l'eBook). Giuseppe Granieri riporta nel suo blog un aneddoto personale su come ci si abitua ben presto a leggere tramite eReader e come ci si può disaffezionare al libro cartaceo:

Un paio di giorni fa ho iniziato a leggere un parallelepipedo di carta. Erano mesi che non lo facevo. Poiché si tratta di un romanzo, ho iniziato a leggerlo a letto, che è il posto dove leggo la narrativa. La prima cosa che ho pensato, prendendolo in mano, è stata: “Maledetti hardcover. Pesa quanto l'iPad e non si connette a Internet”. La seconda è stata: “Mi conviene iniziarlo ora che devo partire? Altro peso in borsa. Con l'iPad verrebbe con me comunque”. Poi mi sono messo a letto e ho iniziato a leggere. Sbuffando: “Ma cavolo, non è nemmeno retroilluminato”. Dopo qualche minuto di lettura, infine, i miei amati parallelepipedi di carta mi sono definitivamente caduti dal cuore. Ed è stato quando ho cercato di evidenziare un brano passando due dita sul foglio e non è successo nulla.

Nota Granieri che il suo rapporto con i libri cartacei ha una virata vintage, come succede con lo stereo, con il videoregistratore e con le ingombranti videocassette. Alla fine, è l'esperienza della lettura l'importante. Il mezzo è in continua evoluzione.

c'è sempre un momento in cui oggetti, anche quelli di culto, diventano vintage. O forse non sono loro a cambiare, ma siamo noi. E le nostre aspettative.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
15 commenti Aggiorna
Ordina: