Sarà demolita a fine marzo la casa che ispirò Il grande Gatsby di Scott Fitzgerald

Sarà demolita a fine marzo la casa che ispirò Il grande Gatsby di Scott Fitzgerald Dopo la casa dove Edgar Poe visse alcuni anni a Baltimora – di cui, come qualcuno di voi si ricorderà, abbiamo parlato qualche tempo fa proprio su queste pagine – e dopo la messa in vendita della casa di Verlaine, a Metz, per 300mila euro, giusto per far cassa, un'altra dimora letteraria rischia di fare una brutta fine.

Si tratta dell'immensa villa di Long Island, vicino New York, che ispirà Francis Scott Fitzgerald durante la stesura del suo più grande romanzo, Il grande Gatsby. La villa in questione, attualmente di proprietà di David Brodsky, sarà infatti demolita entro la fine di marzo perché, a quanto pare, il suo mantenimento costa più della sua sua demolizione.

Insomma, questo 2011 non è certo un anno favorevole per le reliquie letterarie, in particolare per le case, luoghi in qualche modo magici che in qualche modo vivono una doppia vita, come se fossero continuamente in bilico tra la realtà e la finzione letteraria.

E forse la tristezza che alcuni di noi provano, nel vedere questi inconsapevoli e dimenticati mausolei sbriciolarsi sotto il peso degli anni e dell'incuria, è proprio dovuta al fatto che, nel momento dell'abbandono, questi luoghi ci ricordano che, a dispetto di quello che spesso ci piace credere, nella infinita sfida tra la finzione e la realtà, l'ultima parola spetta sempre a quest'ultima.

Via | Adnkronos

  • shares
  • Mail