Saturno, il nuovo inserto culturale del Fatto Quotidiano diretto da Riccardo Chiaberge

saturno fatto quotidiano riccardo chiaberge
Tra le tante pessime notizie che arrivano sia dal mondo intero che dall'Italia, ce n'è una che, almeno nel piccolo campo del giornalismo culturale, fa di questo venerdì una giornata importante. Sto parlando del varo del nuovo settimanale culturale del Fatto Quotidiano, intitolato Saturno, diretto – e questa è una seconda buona notizia – da Riccardo Chiaberge che torna a ricoprire un ruolo di primo piano nel giornalismo culturale italiano dopo quasi due anni.

Era da un po' di tempo, infatti, decisamente troppo, che non si sentiva il ronzio benefico delle sarcastiche vespe di Riccardo Chiaberge. Più precisamente era dal 3 luglio 2009, da quando il giornalista torinese era stato silurato dal Sole24ore, dopo 10 anni di direzione e oltre 500 punture brucianti agli esponenti dell'élite letteraria italiana, con l'accusa di aver "punto" uno che alle punture di vespa pare fosse allergico, ovvero Carlo Rossella.

Al di là del ritorno di Chiaberge – che in questo primo numero pubblica la vespa che gli costò il posto al Sole –, questo primo numero di Saturno pone delle promettenti basi per il futuro: a partire da pezzi su libri interessanti – L'Arabo di Audouard, Vizio di forma di Pynchon, Nemesi di Roth – fino allo spazio dato a voci importanti della letteratura contemporanea italiana, da Tiziano Scarpa a Michele Murgia. E tante sono anche le personalità che Saturno ha saputo coinvolgere per il lancio di questa nuova iniziativa, dal premio nobel Dario Fo a Philippe Daverio, da Fiorella Mannoia a Salvatore Settis.

Per ora, almeno a giudicare dalle 8 pagine di oggi, questo progetto ha tutte le carte in regola per occupare un posto di rilievo nel panorama italiano. Vedremo nelle prossime settimane se gli ottimi presupposti verranno confermati.

  • shares
  • Mail