La classifica al contrario di Sul Romanzo: i libri più vomitevoli del 2010

La classifica al contrario di Sul Romanzo: i libri più vomitevoli del 2010
I primi mesi dell'anno nuovo sono certamente tempo di classifiche. Di gradimento tra i giovani, di vendita online, di vendita sotto natale, degli ebook, nell'ultimo mese ci sono piombate addosso decine di charts che ci hanno descritto il mondo dell'editoria in decine di modi diversi. Eppure, la speciale classifica che il blog Sul Romanzo ha iniziato a stilare da questo mercoledì e che, entro dieci settimane, metterà nero su bianco la lista delle dieci peggiori letture del 2010, non l'avevamo ancora vista.

Si tratta senz'altro di una iniziativa interessante, anche perchè, come dice giustamente Morgan Palmas in questo suo primo post:


Nel mondo della letteratura, in particolare della narrativa, viviamo un’epoca in cui la critica che stronca sta sbiadendo i colori, sta diventando meno arancione, meno gialla, meno blu, meno verde, sempre più grigia, talvolta né carne né pesce.

In qualche modo è proprio vero che la critica, da un bel po' di tempo a questa parte, si è mitigata, facendosi spesso una variante della pubblicità (tanto che spesso capita di leggere recensioni molto simili a cartelle stampa) e, da parte loro, anche le classifiche rispecchiano questo mitigarsi della facoltà critica, del dovere di esprimere un giudizio, mostrando solamente i dati di vendita positivi, i trend di crescita, e mai le altre facce delle rispettive medaglie.

Per ora Morgan Palmas ha reso noto solamente il decimo posto di questa sua speciale classifica, per la cronaca il libro in questione è Tre, di Melissa P., lasciando i lettori con il fiato sospeso ad aspettare il proseguo della classifica. Intanto che aspettiamo le successive nove posizioni vorrei girare la domanda a voi lettori di booksblog, restringendo però a tre il numero dei "i libri più vomitevoli del 2010". Scrivete la vostra personale Worse3 nei commenti.

Via | Sul Romanzo
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail