Il Grimorio di Baker Street. Le avventure soprannaturali di Sherlock Holmes

Il Grimorio di Baker Street. Le avventure soprannaturali di Sherlock HolmesUn grimorio è un libro di magia. Si tratta di libri scritti tra il Medioevo e il secolo XVIII e contenevano istruzioni per creare incantesimi, medicine, pozioni, indicazioni per la fabbricazione di talismani e ancora: liste di demoni e angeli, corrispondenze astrologiche, modalità su come invocare enti superiori. Il Grimorio di Baker Street si colloca in questa scia, pur trascendendola. Il sottotitolo è ci illustra l'argomento del libro in questione: Le avventure soprannaturali di Sherlock Holmes. Si tratta di undici storie che indagano come si sarebbe potuto comportare Sherlock Holmes nel caso in cui si fosse dovuto trovare ad affrontare fatti e situazioni inspiegabili con il solo ricorso alla ragione. Scrive Enzo Verrengia nella densa introduzione:

Questa antologia è più vicina di quanto non si creda allo stile e alle ambientazioni che solitamente si attribuiscono al Gran Detective. Per comprenderlo a fondo bisogna ripercorrere un aspetto della biografia di Sir Arthur Conan Doyle neanche troppo sconosciuto. Come Descartes e Newton frequentarono i circoli esoterici, il medico scozzese non si limitò a studiare le lezioni di anatomia e le autopsie del Professor Bell, ma restò affascinato dall’altra faccia della sua stessa epoca. Non è raro che, proprio nei periodi storici più tendenti alla razionalità – com’è stato l’Ottocento positivista –, alcuni intelletti ripieghino, per diretta reazione, verso il sapere non convenzionale. Così parallelamente al Conan Doyle che inneggia con i thriller holmesiani al predominio della logica, ce n’è un altro che si cimenta con l’horror e il soprannaturale, scavando un solco ben diverso nella sua produzione. Sarà lo scrittore David Stuart Davies, grande esperto del Canone doyliano e autore, a sua volta, di molti apocrifi holmesiani, a enumerare gli sconfinamenti nel soprannaturale da parte di Sherlock Holmes [in The Veiled Detective, Robert Hale Ltd., London 2004]

Vediamo sfilare, così, tra le pagine del libro diversi personaggi quali Sherlock Holmes (ovviamente!) e il dottor Watson, il professor Moriarty ma anche gli investigatori del paranormale Flaxman Law e Thomas Carnaki (e pure Peter Pan). E ancora: fantasmi, dinosauri, vampiri, piscopatici e maghi cattivi. Una serie di racconti insolita (forse) ma che senza dubbio apre la mente a ragionare in “altri modi”, il che è sempre una proposta intrigante. Da non perdere La sua ultima frec­cia di Christopher Sequeira, il cui inizio ricorda molto da vicino lo stile di Conan Doyle e Merridew di abominevole memoria di Chris Roberson, con una premessa insolita e una trama originalissima.

Il Grimorio di Baker Street.
Le avventure soprannaturali di Sherlock Holmes

a cura di J.R. Campbell e Charles V. Prepolec
traduzione di Susanna Raule
con un’introduzione di Enzo Verrengia
Gargoyle Books, 2010
ISBN: 978-88-89541-45-6
pp. 340, euro 14,50

  • shares
  • Mail