Le ballate dell'Angelo ferito, di Guido Ceronetti

ceronetti

Dieci miliardi siamo, furie d'utenti
di luce gas telefono internet,
e nessuno di noi saprebbe
riparare il calzino cosmico
strappato

(Frammenti di un falso inedito di Wislawa Szymborska)

Queste Ballate dell'Angelo ferito nascono per Guido Ceronetti da una doppia suggestione, quella di un romanzo fantastico di H. G. Wells, La visita meravigliosa, del 1895, e quella di un quadro conservato presso un museo di Helsinki datato 1903.

Testi che appartengono per vocazione, come scrive Ceronetti, al teatro di strada, alcune già rappresentate, come la Ragazza di Novi, il Ferimento del Papa, il Vampiro delle Torri, che raccontano rispettivamente la strage di Novi Ligure (a Novi giace sangue impurgato/cronaca smorta, irredimita), il ferimento del Papa nell'81 e la caduta delle Torri Gemelle a opera di una forza del male (un vampiro vede lontano/coi suoi occhi di morto vede i vivi/appiccicati all'ombra che li tiene/e assapora i deliri della biglia/terrestre che li rolla e li impiglia).

Cronache in versi che dipingono un mondo in cui, come nella pittura di Helsinki, l'Angelo è ferito e soccorso da due villici dall'aria ebete: c'è il primo giorno di scuola a Beslan, dove “il Minotauro s'è ingrassato/di carni vergini tu uomo-non-uomo/il tuo fondo d'inferno hai scoperchiato”, c'è la Ballata di Eluana Englaro, debole morta, da macchine crudeli trattenuta in oscura vita (Gloria a te Medicina che mi hai rinata/da naso a stomaco una sonda ficcata/priva di morte e orfana di vita).

Ma ci sono anche tuffi nel passato, con la rappresentazione del travaglio di Beatrice Cenci, condannata a morte per aver ucciso il padre vessatore e incestuoso, o la storia di Janusz Korzak, un educatore che – pur potendo scegliere di salvarsi - non abbandonò i suoi allievi condividendone il destino in un campo di sterminio.

E a noi del tempo presente non resta che rivolgere una preghiera al dottor Buddha, perchè “siamo l'Oceano del dolore/(...)/Incatenati dall'illusione/mani protese al dominio di tutto/la Sapienza ci guarda in lutto”.

G. Ceronetti
Le ballate dell'angelo ferito
Il notes magico ed.
13 euro

  • shares
  • Mail