Sulle orme di Antigone, di Nicholas Nicastro

Sulle orme di Antigone, di Nicholas NicastroAntigone è un capolavoro assoluto della letteratura greca, con la domanda che poneva ai greci di allora e agli uomini: dove finisce la “disobbedienza” e inizia la responsabilità? O, se preferite, qual è il discrimine tra liberà personale e necessità dello stato? Autore della tragedia è Sofocle che, poco dopo quest'opera, indossò l'uniforme come generale durante la guerra di Atene contro Samo nel 440-439 a.C. Nicholas Nicastro ci parla di questo Sofocle nel romanzo storico Sulle orme di Antigone, provando a immaginare “ciò che accadde in questo curioso momento della Storia, quando arte drammatica e scienza militare giunsero a intrecciarsi”.

La lettura del romanzo – che Aliberti Editore propone al pubblico italiano stampato su carta ecologica – è molto piacevole e si apprezzano particolarmente le solide ricerche storiche che l'autore ha condotto prima di mettersi a scrivere. È uno di quei casi in cui quanto narrato non è andato così, ma potrebbe essere molto verosimile. Nicastro non cade né nel tranello delle “beghe” storiche, né in quello di dare molto per scontato. Sulle orme di Antigone costituisce anche un viaggio nell'opera sofoclea teso com'è tra la realizzata Antigone e il nascente Edipo Re.

Dal ponte, proprio di fronte ai rematori di testa, seduto su una panca che era poco più di una piccola asse, Sofocle, figlio di Sofilo, generale della flotta e un tempo cittadino civile, osservava la scena. Lo stomaco del povero Sofocle era perfettamente vuoto, poiché aveva vomitato in mare la colazione già da qualche ora; nella sua mente, invece, c'era un unico pensiero: “Per quale assurda perfidia dei Fati sono giunto sino a qui, diretto alla guerra?”.

Nicholas Nicastro
Sulle orme di Antigone
Aliberti Editore, 2010
ISBN 978-88-7424-635-9
pp. 272, euro 15,00

  • shares
  • Mail