Il folle cabaret del professor Fabrikant, di Yirmi Pinkus

Il folle cabaret del professor Fabrikant, di Yirmi PinkusNon è certo un romanzo di facile lettura quello di Yirmi Pinkus dal titolo Il folle cabaret del professor Pinkus, vincitore del Premio Sapir opera prima e pubblicato in Italia per i tipi della Cargo con la traduzione di Ofra Bannett e Raffaella Scardi e la prefazione di Moni Ovadia. Non è un libro di facile lettura perché storie, situazioni, racconti, lingue (molta presenza di yiddish- spiegato nel glossario finale) e umorismo si intersecano fra di loro e bisogna seguirne il filo con attenzione. Ma, a mio modo di vedere, è proprio questo il pregio di quest'opera: la narrazione della vita e delle esperienze professionali di una “bizzarra” compagnia di teatro cabaret, narrazione che va dal 1876 al 1939, in un andirivieni di episodi e di situazioni che rendono la lettura un vero viaggio nel tempo.

Con il suo stile realistico, scevro da esplosioni, Yirmi Pinkus ci pone dinanzi agli occhi proprio la quotidianità della vita di questo folle cabaret; descrizione plastica che va al di là della scrittura e si traduce anche in immagine grazie ai ventotto disegni originali che l'autore (che è disegnatore e e graphic journalist) ha realizzato per continuare la narrazione (mi affascinano molto quei libri che raccontano utilizzando diversi metodi di comunicazione).

Prima di addentrarsi nel romanzo, consiglio caldamente di leggere la prefazione di Moni Ovadia – Un folle cabareth yiddish – che è di grande aiuto nella comprensione tanto del testo quanto del contesto.

Yirmi Pinkus
Il folle cabaret del professor Fabrikant
con 28 disegni dell'autore
prefazione di Moni Ovadia
traduzione di Ofra Bannet e Raffaella Scardi
Cargo Edizioni, 2010
ISBN 978-88-6005-037-3
pp. 366, euro 20,00

  • shares
  • Mail