Un convegno interessante a Trento: Pro e contro la trama

Un convegno interessante a Trento: Pro e contro la trama
Questo fine settimana a Trento si svolgeranno due incontri molto interessanti dal titolo "Pro o contro la trama", organizzati dall'Università di Trento per discutere della tendenza di un certo tipo di romanzo contemporaneo - quello che potrebbe essere definito come "commerciale", che accomuna gran parte della letteratura main stream ad una certa letteratura di genere - abasare le proprie strategie narrative esclusivamente sulla trama a scapito della forma e del linguaggio.

La fortuna della letteratura dell'intrigo, dalla giallistica all'avventura, quella che spinge il lettore a macinare pagine (ogni tanto anche a saltarle) pur di arrivare in fondo al libro per sapere "come va a finire" nè è la lampante e primaria dimostrazione. Eppure la tradizione romanzesca europea si fonda su altri principi, in primis il principio architettonico, la ricerca di una forma, di un linguaggio basato sulla ricchezza e la compenetrazione tra stili e tra registri differenti.

Azzerare il principio architettonico, eliminare le possibilità formali, significa, inevitabilmente, ridurre le possibilità del romanzo di conoscere il mondo. Il risultato finale, nella migliore delle ipotesi, è un’opera fintamente realistica, capace al massimo di rendere conto solo degli aspetti più illustrativi e immediati della vita. Possiamo attribuire questa evoluzione, che in realtà è una regressione, alla sola industria culturale? O ci sono altre spiegazioni: la reazione al modernismo? Il crescente successo della narrativa di genere? Lo spirito dei tempi?

Un problema tutt'altro che semplice da dirimere. Voi che ne pensate?

Via | unitn.it

  • shares
  • Mail