Riviste letterarie. L'Accalappiacani: un collage delle lettere dei lettori, un ritratto dell'Italia

accalappiacani

I tg effettuano spesso collegamenti in diretta da postazioni volanti per la strada. Nonostante gli sforzi di «stringere» l’immagine sui corrispondenti, una folla saltella alle loro spalle ridendo, chiamando la mamma al telefonino, facendo ciao con la manina. Possibile che la Rai non riesca a trovare luoghi più adatti, se proprio deve trasmettere all’aperto?
Domenico G., Napoli

Basta. Certe riviste letterarie sono proprio 'avanti'. Come l'Accalappiacani, che già avevamo segnalato tempo fa. Un settemestrale edito da DeriveApprodi che parla di 'letteratura comparata al nulla'.

Nell'ultimo numero, cosa ci vado a trovare? Un collage di lettere di lettori apparse nel 2009 sulle più disparate testate italiane. Il ritaglio del copia incolla non è mai oggettivo e 'dato', si sa, e dalla scelta emerge un ritratto, un'opera a sè (d'altronde è anche il credo di un testo recente e molto discusso, "Fame di realtà di David Shields). Stai a vedere che ne esce un ritratto dell'ultimo anno di noi italiani?

Via | DeriveApprodi

  • shares
  • Mail