La classifica dei libri più venduti

La classifica dei libri piÃ�¹ venduti Vedere Camilleri in ultima posizione (con "L'intermittenza") è davvero molto strano, ma tant'è. La classifica di questa settimana si apre all'insegna di questa bizzarria del mercato, anche se sappiamo bene che è una situazione del tutto temporanea, dato che questa settimana uscirà il suo nuovo libro, per Sellerio.

Per il resto siamo giunti a una conferma: per la seconda settimana di seguito Silvia Avallone è uscita dalla classifica (ora è diciassettesima), e anche il suo diretto concorrente, Antonio Pennacchi, con sembra passarsela benissimo: nono posto con "Canale Mussolini". Che stia per finire l'effetto Strega? A scomparire dalla classifica, inoltre, c'è anche Diego De Silva (ma lui era alla prima settimana), che sembra non replicare il successo di "Non avevo capito niente".

Primo (e incontrastato) è Ken Follett, con "La caduta dei giganti", seguito a ruota da Giordano e dal libro "Mangia, prega, ama": una triade, questa, che pare consolidata e destinata a durare ancora per un po'. Almeno fino a quando non verrà pubblicato "Il cimitero di Praga", il nuovo libro di Umberto Eco, che presumibilmente si piazzerà subito nelle prime posizioni. Ma per ora, a entrare in classifica è De Carlo.

"Luielei" (tuttoattaccato) è il suo nuovo romanzo: solita storiella scritta con il consueto mestiere (a quanto dicono i maligini); beì, per ora si conquista la settima posizione. Ma c'è un'altra new entry, e questa volta di saggistica. E' "I vinti non dimenticano" di Giampaolo Pansa, alla quarta posizione.

Resiste insospettabilmente anche lo scrittore brasiliano Paulo Coelho, con le sue "Valchirie" (sesto posto), subito dopo al bestseller dei bestseller, la "Bibbia", nella nuova versione a sette euro e novanta. Buono anche il posizionamento di Michela Murgia (ottava), che pare resistere più dei suoi amici stregati (qui la nostra intervista). Ma tra poco arriveranno le novità preparate direttamente per il natale...

Foto: Flickr

  • shares
  • Mail