Parole da inserire, parole da salvare: il nuovo Zingarelli e le novità della lingua italiana

Parole scritte a penna su un foglio

1500 nuove parole per l'edizione 2011 dello Zingarelli, tra cui apericena, archistar, arcisicuro, barbatrucco, cinecocomero, crunch, emo, enoturismo, gollonzo, impanicarsi, inguattare, pinocchietto, shonen, segno che la lingua viaggia sempre più veloce e che a dettare legge sono sempre più spesso i giovanissimi. Ma accanto al fenomeno dei neologismi resta il problema dei termini da salvare, 2900 secondo lo storico dizionario, tra cui abulico, nefasto, intrepido e zuppo.

L'italiano si modifica continuamente e trae nuove parole dai media (gollonzo, che sta per goal ridicolo, è stata coniata dalla Giallapa's band), dalle mode del momento (vedi emo e pinocchietto), dalle forme dialettali (come inguattare che deriva dal senese inquattare). Per quanto mi riguarda vorrei evitare che anneghino nell'oblio, visti i tempi difficili, parole come accoglienza, antifascismo e solidarietà, soprattutto per i significati che veicolano, ma anche boicottare, obiettare e sollazzo, mondare, sentore, roboante. E per voi quali sono le parole da salvare, quelle a cui siete affezionati e non vorreste veder scomparire?

Via | Ign
Foto | Flickr

  • shares
  • Mail