La nascita del libro stampato: l'esperto professore Pettegree ci parla dei suoi studi in merito



In un'intervista sul Boston Globe , si parla della nascita del libro stampato e delle problematiche che ne scaturirono. A guidarci in questo tuffo indietro nel tempo il professore Andrew Pettegree, autore del libro "Il libro nel Rinascimento", storia della nascita della stampa. Il primo riferimento è naturalmente Johann Gutenberg, che intorno al 1450, iniziò i primi esperimenti di stampa con caratteri mobili cimentandosi con piccoli libri come la Grammatica di Donato. Quindi, si impegnò a realizzare l'ambizioso progetto della Bibbia a 42 linee.

Era il primo libro stampato con caratteri mobili e aveva 42 righe per pagina, il successo fu immenso ma tutto il progetto fu tremendamente costoso. A quel tempo la gente non aveva l'abitudine di spendere denaro per l'acquisto di libri; i pochi che giravano erano manoscritti e se qualcuno desiderava una copia di qualche testo, doveva ordinarla.

E poi, per coloro che possedevano libri, quelli vergati a mano erano più interessanti, offrendo colorate miniature e decorazioni, che i primi libri stampati nella loro monotona monocromia, non potevano vantare. E allora, come per l'iPad adesso, fiorì tutta una serie di domande realtive al potenziale di questo nuovo oggetto, il libro stampato.

Il professor Pettegree ha studiato attentamente la questione, e ci rivela che dal principio si ricorreva all'uso della stampa per la pubblicazione di calendari, almanacchi, annunci comunali e soprattutto per i certificati d'indulgenza: i documenti che attestavano che la persona in questione aveva pagato la Chiesa per ridurre la propria permanenza in Purgatorio.

Ecco un estratto dall'intervista al professore:


Domanda: A quei tempi chi vendeva libri, non aveva la minima idea di come raggiungere i potenziali acquirenti...
Risposta: Bisognava immaginarsi come vendere tutte le copie a persone che non sapevano neanche di aver bisogno di un libro o di volerlo... Così i venditori capirono che dovevano creare un mercato, ancora meglio se fosse con paesi al di fuori dell'Europa. Questo è il classico esempio di quando si crea un'innovazione tecnologica, ma le persone non sono ancora consapevoli delle sue implicazioni commerciali. E' innanzitutto necessario che un sacco di denaro e di energia vengano investiti nel progetto, si pensi alla nascita dei siti internet nei primi anni '90 e ai 10 anni che hanno impiegato ad affermarsi .

E voi che ne dite? L'iPad saprà fare di meglio?

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: