Ti voglio credere di Elisabetta Bucciarelli

Non è una nuova conoscenza per noi di Booksblog la brava Elisabetta Bucciarelli, ormai giallista dal fascino e dalla penna "che scotta". Nella sua nuova fatica, "Ti voglio credere" edito dai tipi della Kowalski - Colorado noir, vediamo l'ispettrice Maria Dolores Vergani agli arresti domiciliari per aver accoltellato (per difesa o per volontarietà?) una donna nei boschi della Valle d'Aosta. In questa finta calma, però, l'ispettrice viene coinvolta dal fidato poliziotto Achille Maria Funi, per aiutarlo a decifrare uno strano caso di un suicidio e del ritrovamento di tre croci piantate in una villetta nel quartiere di San Siro.

Il giallo, tutto milanese, prende la strana via di un Golgota cittadino, di una via Crucis, in cui si trova un ulteriore cadavere di una donna... Inizia per la Vergani momenti ambigui: da una parte dovrà mettere alla prova le sue capacità investigative, dall'altra si porrà domande su se stessa, sul senso della vita e soprattutto sul suo senso di giustizia. Si apre un conflitto esistenziale tra verità e menzogna, in cui rientrano temi importanti come le sette, come l'anoressia.

La Bucciarelli è scrittrice di classe, capace di coinvolgere il lettore e di affascinare con l'uso perfetto della lingua. Penna sagace e pungente, questo nuovo romanzo conferma il posto d'onore tra le scrittrici di gialli per la giovane scrittrice milanese, già autrice di cinema, che ha alle spalle già le pubblicazioni Happy Hour, Dalla parte del torto, Io ti perdono, nonché pubblicazioni su diverse antologie e quotidiani.

  • shares
  • Mail