A Milano, la festa delle librerie indipendenti

A Milano, la festa delle librerie indipendenti

Da oggi e fino al 25 luglio le librerie indipendenti di Milano sono in festa: la libreria Utopia, il Mondo Offeso, Linea d'ombra e tante altre librerie hanno organizzato un fitto calendario di appuntamenti con scrittori e case editrici, per attirare l'attenzione su di sé, per costituire un polo di aggregazione tra librai indipendenti, per mostrare che gli incontri non si fanno soltanto alla Feltrinelli o in Mondadori e, soprattutto, per dimostrare che sfogliare un libro facendo due chiacchiere con un libraio è meglio che andare in un megastore.

Ecco dunque in campo con questa iniziativa: 13 librerie milanesi ospiteranno 47 editori, piccoli ma ben saldi nelle loro politiche culturali. Per fare qualche esempio: la libreria Utopia ospiterà Agenzia X ed Eleuthera; Linea d'ombra la Marcos y Marcos e la Libreria Popolare (via Tadino) la Infinito editore (il programma è consultabile alla pagina facebook "Milano città di libri").

Mi sembra una buona iniziativa per dare visibilità a questi posti, sempre minacciati dai grandi gruppi. Le piccole librerie sono una risorsa che troppo spesso viene trascurata: finalmente ora cercano di farsi conoscere più da vicino. Chi ha voglia di provare a fare due chiacchiere con un libraio non se ne pentirà di certo, e magari scoprirà il valore di un confronto letterario aperto.

Foto: la mitica libreria Shakespeare and Co di Parigi, da Flickr

  • shares
  • Mail