Lupi nella nebbia. Kosovo: L'ONU ostaggio di mafie e USA, di Giuseppe Ciulla e Vittorio Romano

Lupi nella nebbia. Kosovo: L'ONU ostaggio di mafie e USA, di Giuseppe Ciulla e Vittorio RomanoLupi nella nebbia, scritto da Giuseppe Ciulla e Vittorio Romano, edito dalla casa editrice milanese Jaca Book, è un reportage che lascia storditi, un vero e proprio pugno allo stomaco che rivela con precisione l'esatta dimensione della tragedia balcanica degli anni del dopoguerra, nonché la piena collusione tra le forze internazionali e la classe politico-criminale che proprio grazie alla copertura dell'ONU si è impadronita del Kosovo.

Il punto di forza del libro, oltre all'ottima prosa giornalistica incalzante, precisa e mai retorica, è una costruzione del racconto su più piani temporali, il passato della rievocazione storica e il presente dell'inchiesta, nel quale i due reporter si scontrano con l'agghiacciante e sistematica copertura da parte dell'ONU dei criminali di guerra kosovari, in primis Ramush Haradinaj e Hashim Thaçi, esponenti di spicco della politica kosovara.

La verità che emerge dalla lettura di Lupi nella nebbia, per la gran parte dell'opinione pubblica italiana (quella non si ricorda neppure che dieci anni fa dai nostri aeroporti partivano aerei carichi di bombe) è dura da accettare, e prevede la necessità di cambiare il punto di vista e di aprire gli occhi sulle modalità di azione politica e militare dei nostri governi, ben disposti a sostenere l'ascesa politica di un gruppo di criminali di guerra e di mafiosi coprendosi dietro la scusa della necessaria stabilità dei Balcani, una stabilità che riguarda da vicino tutta l'Europa ma che però, ad oggi, resta ancora inimagginabile.

Giuseppe Ciulla e Vittorio Romano
Lupi nella nebbia.
Kosovo: L'ONU ostaggio di mafie e USA

Jaca Book
euro 14,00

  • shares
  • Mail