Crescono le vendite di ebook nel 2010. Ma forse i dati della Apple sono esagerati

Crescono le vendite di ebook nel 2010. Ma forse i dati della Apple sono esagerati

Il grafico qui sopra mostra la vendita degli eBook nel primo trimestre di quest'anno e delle vendite degli anni scorsi: il giro d'affari nei mesi di gennaio, febbraio e marzo 2010 ha già raggiunto la quota di 91 milioni di dollari. Dati più che positivi, dunque, che vanno a sommarsi all'euforia per tutti i nuovi ereader che nascono quasi come funghi.

In quest'euforia si collocano anche i dati della Apple: Steve Jobs, infatti, ha affermato su iBook nei primi 65 giorni di vita dell'iPad sono stati scaricati oltre 5 milioni di eBook. Alcuni fanno notare maliziosamente che forse Jobs ha utilizzato un algoritmo voodoo per fare questi calcoli dal momento che, in America, molti piccoli editori – ma anche colossi come Random House – non vendono i propri titoli attraverso lo store di Apple.

Si sa, quando entrano in gioco soldi e lotte di supremazia varia, anche il fascino del libro diventa un semplice numero da tirare per la giacchetta. In tutto questo la notizia interessante è che entro fine mese iBook dovrebbe supportare anche il formato PDF e dovrebbe essere possibile prendere note ed inserire segnalibri all’interno dei testi.

  • shares
  • Mail