Paolo Conte Il maestro è nell'anima, di Paolo Giovanazzi

foto conte Un libro per gli appassionati del grande cantautore. Ripercorre tutta la carriera dell'avvocato torinese, dalla musica come hobby al successo, arrivato dopo tanta fatica. Per i semi profani, come me, che lo apprezzano, ma non ne conoscono le varie sfaccettature è stata una lettura godibile. Soprattutto per quel che riguarda gli aneddoti sul mitico Club Tenco, in cui gravitavano musicisti come De André, Guccini e Vecchioni, per fare qualche nome.

Grazie alle interviste inedite allo stesso Paolo Conte e a coloro che gli sono stati vicino, Giovanazzi riesce a ricostruire la figura del cantautore: riservato, piuttosto schivo, riluttante, all'inizio, a interpretare le sue canzoni: lui è un avvocato che si diverte a fare il paroliere. Riesce difficile immaginarlo, oggi, mentre cerca di "piazzare" delle canzoni, o di essere riconosciuto dal grande pubblico.

La penna di Giovanazzi racconta tutta la carriera del cantante astigiano: dall'esordio nella musica come jazzista dilettante, al ruolo di autore, fino al riconoscimento come artista internazionale; i tour in Francia e il debutto oltreoceano; le svolte musicali. Il libro è una disamina completa e dettagliata della carriera artistica di Conte, utile a chi voglia conoscere meglio il cantautore e la sua evoluzione musicale, consigliabile anche a chi voglia solo immergersi per un po' nell'atmosfera degli anni d'oro della musica italiana.

Paolo Conte
Il maestro è nell'anima
Paolo Giovanazzi
Aliberti editore
pp. 245, € 17,00

  • shares
  • Mail