Premio Viareggio, scelti i primi sette finalisti

Premio Viareggio, scelti i primi sette finalisti Sono stati finalmente scelti i primi sette finalisti della ottantunesima edizione del premio Viareggio, tra i più prestigiosi in Italia. Eccovi i nomi:

Christian Frascella con "Sette piccoli sospetti" (Fazi).
Nicola Lagioia con "Riportando tutto a casa" (Einaudi).
Nicolai Lilin con "Caduta libera" (Einaudi).
Franco Matteucci con "Lo show della farfalla" (Newton Compton).
Sebastiano Mondadori con "Un anno fa domani" (Instar Libri).
Francesco Orlando con "La doppia seduzione" (Einaudi).
Laura Pariani con "Milano è una selva oscura" (Einaudi).

Alcune considerazioni: c'è da notare l'assoluto predominio della casa editrice Einaudi (e quindi di Mondadori): 4 titoli su 7. Detto questo, proviamo ad azzardare la terna finalista (che verrà decisa il 25 giugno; il giudizio finale, invece, il 26 agosto): partendo dal presupposto che difficilmente potranno arrivare in finale tre libri Einaudi, o anche solo due (ma, ovviamente, non si esclude nulla), rimane da scegliere chi dei quattro einaudiani sopravviverà: a mio parere la spunterà Lagioia con il suo bel "Riportando tutto a casa", anche se Laura Pariani ha scritto proprio un bel romanzo.

Per le altre due posizioni io sarei propenso a scommettere su Christian Frascella (già autore del romanzo "Mia sorella una foca monaca") e... non saprei. Non ho letto i due romanzi, ho avuto solo modo di sfogliarli, ma tra la storia di una casalinga frustrata che si trasforma in una farfalla ("Lo show della farfalla") e quella di una famiglia in crisi e di un personaggio interessante come Vittorio Congedo (di "Un anno fa domani") propenderei per il secondo. O dobbiamo aspettarci una terna finalista tutta Einaudi?

  • shares
  • Mail