Copyleft e Rete: il futuro?

Sopravvissuta al Forum delle scritture, di cui mi riservo farvi cronaca già in giornata o al massimo domani, vi segnalo la lettera che iQuindici, che vi ho in altro post presentato, hanno mandato agli editori italiani parlando di copyleft. Da Lipperatura, il blog di Loredana Lipperini, già se ne discute.

Ancora, una bella lettera aperta di Lello Voce in seguito alla pubblicazione in rete dell'antologia poetica "Il cielo è sempre più blu".

Dice Lello:

Ma non pubblicheremo su carta. Né con voi, né con altri, per grandi che fossero.
Non sembri ybris. E' solo che ci pare che l'antologia ormai voglia, essa stessa, restare su Rete, interrompere il suo nomadismo da un editore all'altro per diventare nomade davvero, da un link all'altro della Rete. La Rete l'ha accolta, e su Rete resterà.
Questa nostra creatura, immigrata illegalmente nelle vostre case a bordo di un gommone fatto di byte e connessioni, è nata in Rete e resterà cittadina della Rete. Noi non sbarchiamo, siamo contrabbandieri di linguaggi, passeur d'idee. Già pronti al prossimo carico.

Di questo ho voglia di parlarvi diffusamente nella settimana prossima: la qualità e le opportunità della rete. Siate pronti, quindi, al dibattito. E buona domenica.

  • shares
  • Mail