Libri di viaggio: Praga 1983-88, una topografia letteraria. Di Francesco Jappelli

jappelli Un regalo che vi consiglio di farvi se, come me, amate Praga, «antico in-folio dai fogli di pietra, città libro, nei cui libri resta ancora tanto da leggere, da sognare, da capire», come la definì A.M. Ripellino nel suo 'Praga magica'.

Si tratta di "Praga 1983-88, una topografia letteraria" (Polistampa ed.) Ovvero una guida fotografica e poetica alla città ceca che diede i natali Kafka, del fotografo nostrano Francesco Jappelli.

In 72 scatti, viene ritratto un volto insolito della città: miriadi di scorci in bianco e nero intervallati da frasi di scrittori cechi e di brani letterari che parlano proprio dei luoghi ritratti in quelle fotografie.

Francesco Jappelli
Praga 1983-88, una topografia letteraria
Polistampa ed.

  • shares
  • Mail