Il panorama editoriale italiano si arricchisce di due nuove collane firmate Castelvecchi

Copertina jack london Si tratta di due collane molto diverse tra loro, ma in accordo con la linea anticonformista della casa editrice romana. La prima, "Biblioteca dell'immaginario", racchiude opere classiche rare e introvabili e segna l'esordio con il titolo La strada di Jack London. Più in là uscirà un testo irreperibile in Italia da vent'anni, La vergine del sudario di Bram Stoker, noto al grande pubblico per il suo Dracula. Ad aprile, in concomitanza con l'uscita nelle sale di Robin Hood con Russel Crowe e Cate Blanchet, la Biblioteca dell'immaginario proporrà Robin Hood di Joseph Walker McSpadden, il romanzo sul quale si è basato Riddley Scott per scrivere la sceneggiatura del film.

Facendo un lungo balzo in avanti Castelvecchi arriva ai nostri giorni con la collana "Le torpedini", che vedrà la luce a fine febbraio con il romanzo gotico "Lullaby. La ninna nanna della morte", dell'autrice Barbara Baraldi. Il secondo titolo in programma è invece quello del genovese Michele Vaccari: Giovani, nazisti e disoccupati. A maggio la collana ospiterà Gianluca Morozzi con Nato per rincorrere, un libro dedicato a Bruce Springsteen e in particolare ai suoi concerti. Un mese dopo sarà la volta delle memorie della transessuale Selene, messe su carta da un esordiente nascosto dietro lo pseudonimo di Joseph Martin.

Dietro queste novità di Castelvecchi c'è il lavoro di Cristiano Armati, scrittore ed editor, da poco entrato nella scuderia della casa editrice come direttore editoriale, il quale racconta che le sorprese non finiscono qui: "Presto saranno annunciati altri cambiamenti e inaugurate nuove collane fedeli al motto della casa editrice: 'Attenti a Castelvecchi, il classico che non ti aspetti'". Intanto noi attendiamo impazienti le prime uscite.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: