Non so che viso avesse, Guccini si racconta

guccini Diciassette capitoli per raccontare, in modo a-sistematico, come è stata la vita guardandosi indietro, a settantanni. E' uscito ieri 'Non so che viso avesse', una sorta di autobiografia del cantante Francesco Guccini, corredata da una corposa appendice critica dell'italianista e poeta Andrea Bertoni.

E così, fra le chicche, i ricordi delle osterie più amate, della passione per la lettura e delle biblioteche preferite, della generazione dei suoi antenati mugnai, e della giovinezza, in cui è stato giornalista, e studenti universitario, fino alla passione precoce per la musica.

E delle canzoni, anticipa Repubblica, Guccini non parla. Fa solo un'eccezione, per 'La locomotiva', da una cui strofa è appunto tratto il titolo del libro.

Francesco Guccini
Non so che viso avesse
Mondadori
18 euro

Via | Repubblica

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: