Libri da ripubblicare: una timida richiesta agli editori.

Libri da ripubblicare: una timida richiesta agli editori. L'idea non è certo originale, lanciata ad ottobre dal blog Samgha e ripresa con molto seguito dall'interessante e graffiante rivista Satisfiction, diretta dal giornalista Gian Paolo Serino, ha ormai raggiunto una certa popolarità ed si è concretizzata in una lunga lista di segnalazioni, libri mai stampati in Italia, o stampati anni fa e ormai dimenticati, dai libri dimenticati dei classici come I diari di Tolstoj, le Bagatelle o Nord di Louis Ferdinand Céline, l'Antologia dello humor nero di Bréton, fino ai contemporanei italiani, come Pontiggia o Del Giudice.

Il discorso mi trova assolutamente d'accordo, convinto come sono che il maggior problema dell'editoria contemporanea, affogata nelle centinaia, migliaia di nuove uscite mensili (spesso inutili), feticci di una letteratura che svapora in poche settimane, sia proprio quello di mantenere il contatto con la storia della letteratura, una storia il cui filo bisogna preservare ogni giorno per non finire sepolti da tonnellate di "attualità" inservibile, rancida fin dal secondo giorno dalla pubblicazione.

Nel mio piccolo avrei una richiesta da fare agli editori, sperando che qualcuno di quelli che possono esaudirmi legga per caso queste righe, si tratta di un libro di Michele Mari, una raccolta di articoli e interventi saggistici intitolata I demoni e la pasta sfoglia, un libro che, stampato nel 2004 dalla Quiritta di Roma, risulta introvabile, così come la casa editrice, svaporata nel silenzio nel 2005.

Michele Mari
I demoni e la pasta sfoglia
Quiritta
Introvabile

  • shares
  • Mail