E' morta Miep Gies, angelo di Anna Frank

anne frank
E' morta a 100 anni Miep Gies, l'angelo buono della famiglia di Anna Frank durante il nascondiglio dai nazisti nella soffitta dell'appartamento di Amsterdam.

Miep era una anziana dai capelli candidi e gli occhi buoni, ma nel diario la piccola Anna la descrive come una bella donna bionda, che portava loro un po' di refrigerio dal clima ovattato in cui erano costretti a sopravvivere nella soffitta.

Miep portava cose buone da mangiare, ma soprattutto notizie dal mondo esterno, e per la famiglia Frank, come leggiamo nel diario, era soprattutto un conforto essere incoraggiati a resistere da chi aveva scelto di non schierarsi con il razzismo di tanti.

Ma soprattutto è bello leggere le memorie di Miep (come la chiamava la piccola Frank) per capire come era la famiglia del nascondiglio vista dall'esterno: il titolo è 'Ricordando Anna Frank' e si tratta di una rarità. Ma sarebbe importante ristamparlo.

Nel testo Miep racconta una Anna che col passare degli anni da gioiosa e ciarliera (adorava stuzzicare il padre) diventa sempre più spesso schiva e scontrosa, come persa in un mondo a parte, dedita alla scrittura e alla lettura solitaria per la maggior parte del tempo.

In una scena Miep - che era la segretaria di Otto Frank e conservò i diari di Anna - descrive come la ragazza avesse avuto quasi uno scatto d'ira per essere stata interrotta da lei mentre stava scrivendo. Attraverso i suoi occhi la vediamo infine adolescente innamorata di Peter, nuovamente sorridente per il piccolo angolo di felicità che grazie al ragazzo - ospite in casa loro con i genitori -riesce a ritagliarsi.

Via | Corriere

  • shares
  • Mail