Il lottatore di Sumo che non diventava grosso, di Erich Emmanuel Schmitt

schmittIn libreria, per le edizioni e/o, l'ultimo libro di Erich Emmanuel Schmitt, 'Il lottatore di sumo che non diventava grosso'.

Si tratta dell'autore della dolentissima storia (eppure così 'leggera') di un bimbo gravemente malato che in ospedale si trova a fare delle domande importanti a una vecchina che lo consolerà di indicibili momenti di sconforto (Oscar e la dama in rosa).

Ed è lo stesso che ha scritto Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano: lì come in Odette o Oscar al centro del racconto c'è sempre l'incontro - salvifico per entrambi - fra due personaggi molto diversi.

Nei libri di Schmitt, grazie all'incontro con un 'diverso' i protagonisti riescono a trasformare loro stessi, imparando a vedere diversamente la propria vita, nonostante una iniziale 'difficoltà' da superare.

Avviene così anche in quest'ultimo libro con Jun, quindici anni, arrabbiato con se stesso e con il mondo. Un ragazzo emaciato e apparentemente fragile, che invece vorrebbe essere forte. E che scoprirà, grazie a un maestro di Sumo, qual è il vero segreto per crescere ed essere pronto alle sfide che gli pone la vita.

Da leggere anche sua raccolta di racconti 'Odette tout le monde' scritto dopo la stesura della sceneggiatura dell'omonimo film, che narra l'incontro fra una donna apparentemente 'povera e sfortunata', Odette, e un ricco che ha tutto dalla vita, e che pure ha una lezione importante da imparare da lei.

Erich Emmanuel Schmitt
Il lottatore di sumo che non diventava grosso
e/o
10 euro

  • shares
  • Mail