La stanza del dialogo. Riflessioni sul ciclo della vita, di Silvia Vegetti Finzi

Copertina di La stanza del dialogo Una lampada su sfondo blu è, come potete vedere, l'immagine che campeggia sulla copertina di questo saggio e che ben introduce all'atmosfera e al tono del contenuto. Mentre si legge il libro di Silvia Vegetti Finzi sembra di entrare in un ambiente ovattato, di luci soffuse e voci pacate, in cui si parla e si viene ascoltati, senza giudizi sommari, né comoda indulgenza.

Le voci sono quelle di tanti e si mescolano fino a diventare quasi un solo suono che si interroga e analizza nel tentativo di capire le varie fasi del ciclo della vita. La stanza del dialogo consiste in una raccolta degli interventi della psicologa sul settimanale ticinese Azione e affronta, attraverso le lettere di persone diverse, i temi che stanno a cuore a tutti: l'infanzia, l'adolescenza, la coppia, la famiglia, la vecchiaia.

Viviamo in quella che è stata definita la "società degli individui", una comunità dove non si è mai isolati ma sempre soli. Cresciamo in mezzo agli altri a casa, all'asilo, a scuola, nei luoghi di lavoro; ci affolliamo nei supermercati, sui mezzi di trasporto, negli stadi, nei cinema e nei concerti. Veniamo ricoverati in clinica quando siamo ammalati e in casa di riposo quando siamo vecchi. Dalla mattina alla sera ci accompagnano le voci e le figure dei mass media: radio, stampa, televisione. Eppure abbiamo l'impressione che nessuno ci ascolti, ci sentiamo parte di una folla anonima dove ciascuno procede per la sua strada senza guardare chi gli sta vicino, senza chiedersi da dove venga e dove vada.

La stanza del dialogo
Riflessioni sul ciclo della vita
Silvia Vegetti Finzi
Edizioni Casagrande, 2009
€ 14,50

  • shares
  • Mail