L'ultima intervista a Sgorlon: "Io più friulano di Pasolini"

sgorlon“Pur avendo ricevuto la considerazione di molti intellettuali, come Piero Chiara, Geno Pampaloni ed Enrico Falqui, l’intellighenzia di sinistra mi ha ignorato”. Lo affermava in una intervista al quotidiano IlFriuli Carlo Sgorlon, lo scrittore due volte Premio Campiello morto il Natale scorso, e di cui abbiamo anticipato una prossima pubblicazione postuma da parte di Mondadori.

"In qualità di corsivista e critico - dichiarava Sgorlon intervistato in occasione dell'uscita della sua autobiografia La penna d'oro - mi sono trovato spesso a parlare di Tomizza, Zanzotto, Magris, Rigoni Stern, Camon, scrittori che sentivo affini se non altro per prossimità geografica e quindi per substrato culturale. In cambio loro mi hanno ignorato completamente".

Entourage culturale che, dichiara senza mezzi termini Sgorlon, "a parole proclamava la loro stima e la loro amicizia nei miei confronti, che non si è mai, assolutamente mai, concretizzata in una riga spesa per commentare un mio libro. E - continua - mi dispiace non essere considerato il rappresentante letterario del Friuli, com’è invece Pasolini”.

Anche se lo scrittore sentiva di essere diverso da lui: "il suo inconscio collettivo non è mai stato friulano - aveva dichiarato - quanto di più ampio respiro. Il Friuli sento di rappresentarlo molto di più io nei miei libri”.

Carlo Sgorlon
La penna d'oro
Morganti ed
15 euro

Via | Il Friuli”.

  • shares
  • Mail