Lo Zar non è morto.

Padova. Una libreria antica. Un collezionista con qualche soldo da investire. Un libro dimenticato, dieci autori misteriosi.

No, non si tratta della trama di un romanzo di avventura, ma della storia, vera, del ritrovamento del testo de “Lo Zar non e’ morto”.

https://www.sironieditore.it/images/catalogo/88-518-0054-5.jpg

Romanzo di “fantapolitica del presente”, “Lo Zar non e’ morto” e’ stato scritto dal Gruppo Letterario dei Dieci, un mix di futuristi, giallisti, romanzieri sentimentali e specialisti del colpo di scena, e pubblicato originariamente nel 1929. Riproposto nel 2005 da Sironi editore, “Lo Zar non e’ morto” non e’ solo un grande romanzo d’avventura. Non e’ solo il testamento di una generazione di scrittori italiani che si e’ tentato di rimuovere. E’ il caso editoriale del momento, ne parlano tutti: critici, giornalisti, bibliotecari e blogger. Tutti propongono la loro definizione. Un'operazione culturalmente di destra? Una rarità? Una presunta novità? Forse solo un libro con una storia attorno e un concorso a premi all’interno? Di sicuro l'opportunità di fare i conti con un'esperienza letteraria innovativa, nonostante i suoi settant'anni.

Lo Zar non è morto.
Sironi editore
Codice ISBN: 88-518-0054-5
Pagine: 440
Prezzo di copertina: € 17,00

Gruppo Letterario dei Dieci: ossia Filippo Tommaso Marinetti, Massimo Bontempelli, Antonio Beltramelli, Lucio D’Ambra, Alessandro De Stefani, Fausto Maria Martini, Guido Milanesi , Alessandro Varaldo, Cesare Viola, Luciano Zuccoli.

  • shares
  • Mail