La casa di Ninetta: Lina Sastri ricorda la madre

Tornerà a girare l'Italia come monologo teatrale "La casa di Ninetta", libro che la Marsilio ha appena dato alle stampe scritto da Lina Sastri che lo interpreta sul palco diretta da Emanuela Giordano. Un libro che la Sastri ha "scritto di getto, senza correzioni, qualche tempo dopo la morte di mia madre. In parte di ispirazione autobiografica, come tutti gli scritti di chi scrittore non è di professione, un tributo alla donna più bella e straordinaria che io abbia mai conosciuto, Anna, detta Ninetta, che era mia madre".

Un viaggio alla ricerca di una donna che ridendo diceva di volersene andare in America e che invece ha finito la sua vita "crocifissa da una malattia che non perdona, che umilia il corpo e la mente, come l’Alzheimer", in una città sorprendente bellissima e spietata come Napoli, al dispetto di un uovo vissuto come "una condanna, o un destino immutabile". Non si piange a leggere questo racconto, che parla di capricci e di solitudine. Piuttosto è un grande 'grazie' alla figura della mamma, sussurrato con voce leggera come Ninetta era solita cantare, senza fatica, anche da seduta.

La casa di Ninetta
Lina Sastri
Marsimio editore
pagine: 82
prezzo: € 9,00

  • shares
  • Mail