Da oggi in libreria Altai, il nuovo libro di Wu Ming

Copertina Altai dei Wu Ming Da oggi sarà possibile trovare in libreria il nuovo libro del collettivo Wu Ming. Altai si apre quindici anni dopo l'epilogo di Q, il romanzo di esordio del gruppo di scrittori, e siamo quindi a Venezia nel 1569 nel momento in cui si sente un forte boato e la notte si illumina come se fosse giorno.

"Non è un'alba stregata ma il cuore della Serenissima in fiamme". Lo scenario che si presenta al protagonista è apocalittico: alcune famiglie abbandonano le case saltando dai balconi, due gondole volano nel cielo, persone in ginocchio in attesa del giudizio. Da qui prende il via la vicenda che vedrà l'agente della Repubblica veneta, principale attore della storia, muoversi verso Costantinopoli e approdare successivamente a Nicosia, Famagosta e Lepanto in attesa dello scontro finale.

I Wu Ming scrivono sul loro sito che quest'ultima fatica letteraria è stata davvero impegnativa. Non volevano (e non potevano) scrivere un seguito di Q e quindi un Q2, perché non sarebbero mai riusciti a fingere di essere quelli di oltre dieci anni prima. Il nuovo romanzo si muove entro le stesse coordinate spazio-temporali, riprende alcuni personaggi, ma è nuovo e indipendente dall'opera di esordio del collettivo.

Come d'abitudine, Wu Ming presenterà il libro in diverse città, partendo da Trieste il 14 novembre e continuando poi anche per buona metà del 2010. A chi è impaziente e non può correre in libreria consiglio di ascoltare la lettura dei primi due capitoli di Altai dalla voce di Wu Ming 2.

Altai
Wu Ming
Einaudi, 2009
€ 19,50

  • shares
  • Mail